Seleziona lingua
regolamenti e informazioni / definizioni
Definizioni

 

DEFINIZIONI DAL REGOLAMENTO ADS

 

Testata

Per testata si intende qualsiasi prodotto editoriale a stampa, quotidiano o periodico pubblicato in Italia, che risponda ai requisiti di legge e che abbia un prezzo di vendita praticato al pubblico.

 

 

                   

Numeri usciti nel mese/ numeri nel periodo

Si intende il totale dei numeri di una testata dichiarati nel periodo indicato.

 

 

Tiratura

Si intende il totale delle copie stampate in Italia e all’estero esclusi gli scarti di macchina. La tiratura comprende le copie diffuse in Italia e all’estero, le copie rese in Italia e all’estero e le copie destinate a usi vari.

 

 

Diffusione

Si intende il totale delle copie diffuse in Italia e all’estero tramite:

 

- i canali previsti dalle disposizioni di legge, le altre vendite, gli abbonamenti a pagamento (diffusione pagata);

- le vendite in blocco;

- gli abbonamenti da quota associativa;

- i coupons gratuiti, gli abbonamenti gratuiti, gli omaggi (diffusione gratuita).

 

 

Italia

Copie distribuite

Si intende il totale delle copie distribuite in Italia per la vendita attraverso i canali previsti dalle disposizioni di legge e per le altre vendite.

 

Copie rese

Si intende il totale delle copie invendute dei numeri di competenza di ciascun mese. Tali copie sono quelle risultanti nelle liquidazioni effettuate dai distributori o dalle rivendite ad invio diretto, tenuto conto dell’accredito effettuato dall’editore o dai distributori.

 

Coupons gratuiti

Si intende il totale delle copie consegnate gratuitamente dai punti di vendita in Italia a fronte di coupons (escluse le copie consegnate a fronte di buoni sostitutivi dell'abbonamento).

 

Totale vendita

Si intende il totale risultante dalla sommatoria delle copie vendute tramite i canali di vendita previsti dalle disposizioni di legge e dalle altre vendite.

Il totale vendita si ottiene sottraendo alle copie distribuite le copie rese nonché le copie consegnate a fronte di coupons gratuiti.

 

Vendite canali previsti dalle disposizioni di legge

Si intende il totale delle copie vendute in Italia esclusivamente tramite i canali di vendita previsti dalle disposizioni di legge. Le copie vendute si ottengono sottraendo al totale vendita le altre vendite.

Le copie vendute sono suddivise in: formato standard e altri formati.

 

Formato standard

Si intendono le copie vendute nel formato che l’editore dichiara ad ADS e nel listino pubblicitario e al netto delle tolleranze industriali.

Per quanto riguarda i quotidiani rientrano nel formato standard tutti i formati utilizzati dai differenti centri stampa a condizione che gli stessi siano stati preventivamente comunicati ad ADS nell’ambito della scheda tecnica allegata alla richiesta di accertamento

 

Altri formati

Si intendono le copie vendute in formati diversi (maggiori o minori) rispetto al formato standard. Nel caso questo formato, diverso dal formato standard, abbia una base inferiore a 14 cm (al netto delle tolleranze industriali) le copie non sono conteggiate ai fini ADS.

Nel caso il formato standard di una testata abbia una base inferiore a 14 cm le copie sono conteggiate ai fini ADS.

 

Totale formati

Si intende il totale risultante dalla sommatoria delle copie vendute in formato standard e di quelle vendute in altri formati.

 

Altre vendite

Si intende il totale delle copie vendute in Italia cumulativamente a strutture pubbliche o private, in modo continuativo.

 

Tali copie concorrono a formare il totale vendita a condizione che siano:

- previste nell’ordine di tiratura;

- vendute nel periodo in cui lo stesso numero della testata si trova in vendita;

- verificabili contabilmente presso l’editore, se necessario anche sulla base degli accordi commerciali definiti direttamente dall’editore stesso con le strutture sopra menzionate;

- non destinate alla filiera distributiva;

- cedute dall’editore ad un prezzo di vendita scontato di non oltre il 90% rispetto al prezzo di vendita applicato al pubblico in Italia.

In caso di sconto superiore al 90%, le relative copie devono essere classificate tra le copie omaggio.

 

Il numero minimo delle forniture valide a determinare la continuità e la ripetitività delle vendite ad ogni singola struttura pubblica o privata nei periodi prescritti, è così definito:

 

- per i quotidiani: 4 numeri alla settimana in 30 giorni consecutivi;

- per i bisettimanali: 12 numeri in 60 giorni consecutivi;

- per i settimanali: 6 numeri in 60 giorni consecutivi;

- per i quindicinali: 3 numeri in 60 giorni consecutivi;

- per i mensili: 2 numeri in 90 giorni consecutivi;

- per i bimestrali: 2 numeri in 120 giorni consecutivi,

tenuto conto che i qui sopra menzionati 30/60/90/120 giorni consecutivi possono decorrere da qualsiasi giorno del mese.

 

 

Abbonamenti pagati

Si intende il totale delle copie spedite in modo continuativo a singoli destinatari, sottoscrittori o beneficiari dell'abbonamento pagato, che devono avere una durata minima di:1 mese per i quotidiani; 2 mesi per i bisettimanali, i settimanali ed i quindicinali; 3 numeri per i mensili e per le pubblicazioni con periodicità superiore al mese.

Vengono considerate come “abbonamento a pagamento” anche le copie ordinate e pagate da aziende o enti che forniscono all’editore l'elenco dei nominativi cui inviare la testata, sempre che la durata dell'abbonamento rispecchi la durata minima sopra indicata.

 

 

Abbonamenti gratuiti

Si intende il totale delle copie spedite gratuitamente ed in modo continuativo a singoli destinatari per un periodo minimo di: 1 mese per i quotidiani; 2 mesi per i bisettimanali, i settimanali e i quindicinali; 3 numeri per i mensili e per le pubblicazioni con periodicità superiore al mese.

Le copie relative agli abbonamenti gratuiti devono essere previste nell'ordine di tiratura.

 

Omaggi

Si intende il totale delle copie concesse in omaggio nel periodo in cui la testata si trova in vendita.

 

 

Vendite in blocco

Si intende il totale delle copie vendute in blocco in Italia ad aziende, enti, associazioni e simili e comunque non destinate alla filiera distributiva.

Tali copie possono far parte della diffusione a condizione che siano: previste nell'ordine di tiratura, vendute nel periodo in cui lo stesso numero della testata si trova in vendita, verificabili contabilmente, cedute dall’editore ad un prezzo di vendita scontato di non oltre il 90% rispetto al prezzo di vendita al pubblico.

Le vendite in blocco sono caratterizzate da forniture occasionali e prive di continuità; pertanto le copie che non risultano avere i requisiti di continuità e di ripetitività previsti per le altre vendite devono essere classificate tra le vendite in blocco.

 

 

Abbonamenti da quota associativa

Si intende il totale delle copie spedite in abbonamento a singoli destinatari membri di un’associazione a condizione che l’invio regolare e continuativo agli associati di tutti i numeri della testata sia direttamente correlato al pagamento della quota associativa.

Le testate così diffuse possono accedere agli accertamenti ADS purché venga garantita la possibilità di svolgere controlli (quali ad esempio: tiratura, passaggio copie, elenco nominativo degli associati, documenti comprovanti l’avvenuto pagamento della quota) presso l'associazione, l'editore, lo stampatore della testata e presso ogni altro terzo interessato.

Resta inteso che i singoli destinatari degli abbonamenti, di norma postali, devono essere verificabili singolarmente e dunque a ciascun nominativo deve corrispondere un invio e quindi un indirizzo. In condizioni di accorpamento e in assenza degli elementi di cui sopra tali copie potranno essere considerate quali vendite in blocco o quali altre vendite se sussistono i criteri di continuità e di ripetitività richiesti dal Regolamento.

 

 

Usi vari

Si intende il totale delle copie destinate agli archivi dell'editore, i giustificativi di pubblicità, le scorte e comunque tutte quelle copie che non rientrano nel totale vendita, negli abbonamenti, negli omaggi e nelle vendite in blocco.

Le copie destinate agli usi vari non sono comprese nella diffusione.

 

Copie ridistribuite

Si intende il totale delle copie rese e ridistribuite dall'editore dopo l'uscita del successivo numero della testata. Queste copie non sono comprese nella diffusione.

 

Estero

Copie distribuite

Si intende il totale delle copie distribuite per la vendita.

 

 

Copie rese

Si intende il totale delle copie invendute dei numeri di competenza di ciascun mese. Tali copie sono quelle risultanti nelle liquidazioni effettuate dai distributori o dalle rivendite ad invio diretto, tenuto conto dell’accredito effettuato dall’editore o dai distributori.

 

 

Copie vendute

Si intende il totale delle copie vendute non in abbonamento. Le copie vendute si ottengono sottraendo alle copie distribuite le copie rese.

 

Abbonamenti pagati

Si intende il totale delle copie spedite in modo continuativo a singoli destinatari, sottoscrittori o beneficiari dell'abbonamento pagato, che devono avere una durata minima di: 1 mese per i quotidiani; 2 mesi per i bisettimanali, i settimanali e i quindicinali; 3 numeri per i mensili e per le pubblicazioni con periodicità superiore al mese.

Vengono considerate come “abbonamento a pagamento” anche le copie ordinate e pagate da aziende o enti che forniscono all’editore l'elenco dei nominativi cui inviare la testata, sempre che la durata dell'abbonamento rispecchi la durata minima più sopra indicata.

 

 

Abbonamenti gratuiti

Si intende il totale delle copie spedite gratuitamente ed in modo continuativo a singoli destinatari per un periodo minimo di: 1 mese per i quotidiani; 2 mesi per i bisettimanali, i settimanali ed i quindicinali; 3 numeri per i mensili e per le pubblicazioni con periodicità superiore al mese.

Le copie relative agli abbonamenti gratuiti devono essere previste nell'ordine di tiratura.

 

 

Omaggi

Si intende il totale delle copie concesse in omaggio nel periodo in cui la testata si trova in vendita.

 

 

Copie cedute per la successiva commercializzazione abbinata in rete vendita

L’avvenuta cessione di copie ad altro editore per la successiva commercializzazione abbinata in rete vendita dovrà essere comprovata dalla pertinente fatturazione e dal relativo movimento contabile di pagamento, oltre che dalla dichiarazione dell’editore acquirente su come è stata ripartita la vendita in edicola, con tutti i dati relativi al distribuito, al reso ed al venduto con la relativa suddivisione provinciale.

 

 

Competenza temporale

Per la dichiarazione dei dati mensili e annuali l’editore può scegliere come criterio di competenza la data di copertina o quella di fatturazione. Resta inteso che, una volta individuato, il criterio debba essere mantenuto per tutto il periodo dell’accertamento.

 

 

Neutralizzazione dei dati

Quando cause di forza maggiore abbiano impedito il completamento della tiratura e/o la regolare distribuzione di uno o più numeri della testata, l'editore può effettuare la neutralizzazione dei dati anomali. Dai singoli mesi vengono quindi esclusi i dati relativi ai numeri che hanno subito anomalie e dichiarati i dati relativi ai soli numeri usciti a tiratura completa e distribuzione regolare.

In questo caso in calce ai dati pubblicati viene riportata la nota: “dati medi relativi ai soli numeri usciti a tiratura completa e a diffusione completa”.

La neutralizzazione può essere richiesta anche in caso di “eccesso di tiratura e diffusione”.

In base ai risultati delle verifiche, ADS si riserva di prendere in considerazione o meno, al fine del rilascio del certificato, i moduli con i dati neutralizzati.

 

 

Numeri speciali

Per numeri speciali si intendono i numeri di una testata posti in vendita separatamente dalla testata stessa che non seguono la numerazione del prodotto.

 

 

DAL REGOLAMENTO AGGIUNTIVO COPIE DIGITALI

 

Edizione digitale

Per edizione digitale si intende una replica esatta e non riformattata dell’edizione cartacea in tutte le sue pagine, pubblicità inclusa, fruibile su diversi dispositivi digitali e distribuita elettronicamente come unità inscindibile ed esclusiva.

L’edizione digitale può beneficiare delle funzionalità tecnologiche proprie del mezzo quali ad esempio lo sfoglio, l’indicizzazione dei contenuti, l’ingrandimento dei testi e delle immagini, i link rivolti all’esterno.L’edizione digitale può inoltre fruire di contenuti multimediali correlati a quelli dell’edizione cartacea quali ad esempio gallerie fotografiche, filmati, podcast.

L’edizione digitale è quindi costituita dall’edizione “replica”, dalle funzionalità e dai contenuti aggiuntivi ed è accertata nel suo complesso come unità inscindibile.

Nessun contenuto redazionale o pubblicitario presente nell’edizione cartacea può essere omesso o variato nell’edizione digitale mentre è consentita l’introduzione di posizioni pubblicitarie specifiche del mezzo.

Solamente qualora un inserzionista pubblicitario richiedesse all’editore l’eliminazione o la sostituzione dall’edizione digitale di una o più inserzioni presenti nell’edizione cartacea, ne sarà consentita l’equivalente sostituzione nella versione digitale con inserzioni di identico formato e posizionamento.

Ogni altra sostituzione delle pagine e dei contenuti è espressamente esclusa.

 

Edizione cartacea o testata

Per edizione cartacea o Testata come definita dall’art.2.1 del Regolamento ADS, si intende qualsiasi prodotto editoriale a stampa, quotidiano o periodico, pubblicato in Italia, che risponda ai requisiti di legge e che abbia un prezzo di vendita praticato al pubblico.

 

Prezzo di vendita dell’edizione cartacea

Per prezzo di vendita dell’edizione cartacea si intende il prezzo di vendita al pubblico in Italia, come comunicato ad ADS nella scheda dei dati informativi della testata, stampato sulla testata dell’edizione cartacea maggiormente diffusa, al lordo di eventuali riduzioni promozionali anche relative a pocket, cut price, abbinamenti, ecc. e al netto di eventuali maggiorazioni per effetto di abbinamenti, gadget ecc.

 

Acquirente

Per acquirente si intende il soggetto intestatario della transazione economica effettuata per l’acquisto di una o più edizioni digitali. L’acquirente deve essere identificabile attraverso la relativa anagrafica nel caso di acquisti effettuati direttamente presso l’editore, attraverso codice univoco o codifiche disponibili nel caso di acquisti effettuati attraverso intermediari.

 

Vendita copie digitali

Per vendita copie digitali si intende il totale delle copie di un’edizione digitale vendute ad un prezzo qualificante pari almeno al 30% del prezzo di vendita dell’edizione cartacea.

Rientrano in questa tipologia:

 

Vendita di edizione singola

Per vendita di edizione singola si intende la vendita di una copia di una singola edizione del prodotto.

 

Vendita in abbonamento

Per vendita in abbonamento si intende un’offerta commerciale che prevede la possibilità di acquistare un numero di copie digitali di una singola testata a scelta dell’acquirente in un determinato arco temporale.

La vendita in abbonamento può essere:

Abbonamento temporale: l’acquirente acquista le edizioni digitali pubblicate in un determinato periodo.

Abbonamento a scalare: l’acquirente acquista un numero di crediti corrispondente ad un numero di copie fruibili fino all’occorrenza del credito acquistato.

Ai fini della dichiarazione, il numero di crediti acquisiti deve essere per convenzione dichiarato nell’arco temporale corrispondente a partire dall’acquisto: ad esempio i 30 crediti acquistati per un quotidiano si attribuiranno a ciascuna delle prime 30 uscite dalla data di acquisto. I 10 crediti di un settimanale verranno attribuiti uno per ciascuna delle 10 uscite settimanali a partire dalla data di acquisto così come i 10 crediti di un mensile verranno attribuiti uno per ciascuna delle 10 uscite mensili a partire dalla data di acquisto.

In alternativa l’editore potrà attribuire la vendita delle copie alla competenza effettiva.

Nel caso di abbonamenti a scalare multi testata i crediti dovranno essere attribuiti alle testate effettivamente fruite.

Le tipologie di vendita sopra descritte fanno riferimento ad un’unica testata digitale, alla vendita congiunta dell’edizione digitale di più testate, alla vendita congiunta dell’edizione digitale di una testata con l’edizione cartacea di un’altra testata, alla vendita congiunta dell’edizione digitale di una testata e di altri beni o servizi.

 

Vendite abbinate

Si intende il totale delle copie dell’edizione digitale vendute in abbinamento con l’edizione cartacea della stessa testata ad un prezzo non inferiore al 50% del prezzo dell’edizione cartacea corrispondente.

 

Vendite multiple

Per vendite multiple si intende un’offerta commerciale che prevede a fronte di un’unica transazione economica la messa a disposizione di un numero di utenze individuabili pari agli abbonamenti o alle copie acquistate. Il prezzo di vendita di ciascuna copia digitale deve essere almeno pari al 30% del prezzo di vendita dell’edizione cartacea. Sono certificabili esclusivamente le copie corrispondenti ad utenze attivate verificabili.

 

Totale vendite

Per totale vendite si intende la somma della totale pagata (colonna 10 prospetto di pubblicazione), della colonna vendita copie digitali e della colonna vendite multiple.

 

Totale diffusione (cartacea + digitale)

 Per totale diffusione si intende la somma della diffusione cartacea (colonna 2 prospetto dati pubblicati) e delle colonne relative alle copie digitali.

 

 

DAL REGOLAMENTO DELLA STAMPA GRATUITA DI INFORMAZIONE:

 

DEFINIZIONI

                   

Numeri usciti nel mese/ numeri nel periodo

Si intende il totale dei numeri di una testata dichiarati nel periodo indicato.

I numeri dichiarati devono corrispondere al numero di volte che una pubblicazione viene edita e messa in distribuzione, di norma con cadenza coerente con la periodicità.

 

Tiratura

Si intende il totale delle copie stampate in Italia e all’estero, tramite procedimenti di produzione e riproduzione presso uno o più impianti esclusi gli scarti di macchina.

 

Messa in distribuzione

Si intende l’insieme delle attività svolte dall’Editore direttamente o tramite soggetti da lui incaricati, per la distribuzione in Italia dei prodotti editoriali ai fini della loro fruibilità da parte del lettore.

La messa in distribuzione comprende le copie destinate ai punti ove viene posizionato il prodotto editoriale, anche attraverso incaricati, affinché possa essere consegnato al lettore o liberamente prelevato dal lettore e le copie indirizzate ovvero il totale delle copie consegnate direttamente al lettore attraverso un servizio di recapito pubblico o privato. Tali copie devono essere specificamente previste nell’ordine di tiratura.

 

Copie indirizzate

Si intende il totale delle copie consegnate direttamente al lettore attraverso un servizio di recapito pubblico o privato. Tali copie devono essere previste nell’ordine di tiratura.

 

Usi vari

Si intende il totale delle copie destinate agli archivi dell'editore, i giustificativi di pubblicità, le scorte e comunque tutte quelle copie che non rientrano tra le copie destinate alla messa in distribuzione.

 

Rete distributiva

Si intende l’insieme degli operatori attivi nel settore della logistica, della distribuzione e della messa in distribuzione al pubblico.

 

Periodo di vita della pubblicazione

Si intende l’arco temporale entro il quale il prodotto viene messo in distribuzione coerentemente con la sua periodicità.

 

Competenza temporale

Per la dichiarazione dei dati mensili e annuali l’editore può scegliere come criterio di competenza la data di copertina o quella di messa in distribuzione. Resta inteso che, una volta individuato, il criterio debba essere mantenuto per tutto il periodo dell’accertamento.

 

Neutralizzazione dei dati

Qualora cause di forza maggiore abbiano impedito il completamento della tiratura e/o la regolare messa in distribuzione di uno o più numeri della testata, l'editore può effettuare la neutralizzazione dei dati anomali. Dai singoli mesi vengono quindi esclusi i dati relativi ai numeri che hanno subito anomalie e dichiarati i dati relativi ai soli numeri usciti a tiratura completa e distribuzione regolare.

In questo caso in calce ai dati pubblicati viene riportata la nota: “dati medi relativi ai soli numeri usciti a tiratura completa e a distribuzione regolare”.

La neutralizzazione può essere richiesta anche in caso di “eccesso di tiratura e distribuzione”.

In base ai risultati delle verifiche, ADS Srl si riserva di prendere in considerazione o meno, al fine del rilascio del certificato, i moduli con i dati neutralizzati.

 

Numeri speciali

Per numeri speciali si intendono i numeri di una testata distribuiti separatamente dalla testata stessa che non seguono la numerazione del prodotto.

Eventuali numeri speciali di testate periodiche distribuiti separatamente dalla testata stessa e con numerazione a sé stante, devono essere oggetto di certificazione separata.

Pertanto, per detti numeri speciali, l’editore può inoltrare richiesta di accertamento e sottoscrivere specifico contratto nel caso decida di sottoporre il numero speciale ad accertamento.